USB: Turchia: un nuovo crimine del capitale nella miniera di Soma

Roma -

USB esprime  indignazione per il nuovo crimine del capitale nella miniera della città di Soma in Turchia occidentale, che ha ucciso almeno 270 lavoratori, mentre centinaia di altri minatori sono ancora intrappolati nella miniera di carbone.

La società « SOMA Komur Isletmeleri AS », proprietaria della miniera , ha la responsabilità penale, perché non ha preso neanche le misure di sicurezza  più elementari, ha aumentato il ricorso a subappaltatori e ha incessantemente  fatto  pressione sui lavoratori per produrre il più possibile, in condizioni di lavoro miserabili.

Secondo i rappresentanti dei minatori, c'è stata una attiva e proficua collaborazione tra il  management della società SOMA ( e di altri gruppi in questo settore di attività ) e il governo della Turchia che ha impedito l'adozione e l'attuazione di una legislazione che migliorasse le condizioni di lavoro e l'espansione delle libertà sindacali in molte delle miniere in Turchia, tutto ciò in nome del presunto "sviluppo".

La confederazione USB  esprime le sue sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e la sua solidarietà ai lavoratori turchi e alle loro organizzazioni sindacali nella lotta per fermare lo sfruttamento. In Turchia come nel resto del mondo devono essere adottate misure legislative che garantiscano  sicurezza per i lavoratori e punizioni per coloro che si rendono responsabili di crimini sui luoghi di lavoro.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati