USB esprime la sua solidarietà alla classe lavoratrice e al popolo brasiliano


L’USB esprime la sua solidarietà alla classe lavoratrice e al popolo brasiliano che in questi mesi sta fronteggiando un pericoloso disegno di restaurazione liberista e reazionario.
Con il sostegno degli Stati Uniti e dell’UE , il blocco sociale reazionario che ruota attorno alla borghesia latifondista e della finanza cerca riprendere il potere per  azzerare le conquiste sociali e gli spazi di democrazia strappate con la lotta dal movimento operaio brasiliano.
Il pericolo che in Brasile tornino al governo  le forze che hanno  imposto per decenni la dittatura è una minaccia per tutto il movimento dei lavoratori dell’America Latina e del processo di emancipazione sociale e politica dei paesi dell’ALBA e per tutto il continente.
Attraverso i  compagni della CTB vogliamo dire con forza e nettezza che l’USB sa dalla parte del  popolo Brasiliano, a  fianco del movimento operaio e contadino che scenderà in piazza il 10 maggio per contrastare i golpisti e i loro sostenitori internazionali.
 
USB Ufficio Internazionale
Di seguito pubblichiamo la risoluzione del Consiglio Politico Nazionale della CTB  (Confederazione dei Lavoratori Brasiliani)

 

Si è tenuto a São Paulo il 3 Maggio  2016 con lo scopo di analizzare la politica, il Consiglio Nazionale politico del CTB (Centrale dei Lavoratori del Brasile) che  ha approvato la seguente risoluzione:
1.     Il Brasile sta attraversando un momento politico serio e particolarmente pericoloso per i lavoratori brasiliani;
2.     E’ in corso nel Paese un colpo di stato, mascherato da un processo di impeachment, senza alcuna base giuridica, che rappresenta una grave minaccia per la democrazia, la sovranità nazionale, CLT (Consolidamento delle Leggi sul Lavoro- Legge che migliora le tutele dei lavoratori ndt)  e le realizzazioni secolari della classe operaia ;
3.    La cospirazione del colpo di stato viene da lontano, era già presente nelle manifestazioni del 2013 e del 2014 (questi ultima con lo slogan "Nao vai a ter copa"), è manovrata  al fine di creare un ambiente di caos sociale per minare e destabilizzare il governo di Dilma.  L'offensiva si è intensificata  dopo la  rielezione di Dilma per poi sfociare nella richiesta impeachment guidata da un membro della Corte Suprema;
4.    Un'analisi più completa della situazione suggerisce che il processo non è limitato al nostro paese,     si tratta di un ondata reazionaria molto più ampia, che ha sullo sfondo la crisi economica e geopolitica del capitalismo e l'ordine  imperialista internazionale egemonizzato dagli  Stati Uniti d'America.
Le recenti battute d'arresto elettorali delle forze democratiche in Argentina, Venezuela e Bolivia, così come colpi di stato in Honduras (2009) e Paraguay (2012), sono eventi che fanno parte della stesso fenomeno;
5.    Qui, come in altri paesi della Nostra America, si manifesta  l'unione  di interessi  tra la borghesia, i grandi proprietari  terrieri locali e  l'aristocrazia finanziaria internazionale,  un alleanza guidata  nel suo progetto reazionario dall’ imperialismo statunitense . Questo è lo stesso blocco sociale che era dietro il colpo di stato Militare del  1964.  Gli oscuri obiettivi dei golpisti trapelano  tra le righe dei loro progetti di governo.
6.    Nel documento intitolato "Bridge to the Future" (Un Ponte per il futuro del Partido do Movimento Democrático Brasileiro -PMDB) Michel Temer promette di porre fine alle tutele garantite dalla CLT (Consolidamento delle Leggi sul Lavoro) ristabilendo  il primato del mercato sulla legge e imponendo  una terziarizzazione senza restrizioni dell'economia generale. Fa anche cenno anche a un duro piano  di aggiustamento del bilancio , con  l'ampliamento del  DRU (Desvinculação das Receitas da União) e, di conseguenza, la diminuzione  i fondi già scarsi per la salute, l'istruzione e  dei programmi sociali; la fine della politica di valorizzazione del salario minimo, la riduzione del valore delle prestazioni pensionistiche e dell’età minima per la pensione. Il PSDB segue lo stesso percorso  e lo fa con una lettera di 15 punti inviata  al Vice Minsitro-Golpista.  Non è  senza motivo  che Fiesp, CNA, CNI e centinaia di associazioni industriali hanno sostenuto  e sponsorizzato l’impeachment;
7.    Il capitale straniero, e specialmente gli Stati Uniti (che hanno mantenuto un silenzio eloquente sulla Colpo di stato , sostenendolo  tuttavia dietro le quinte), sarà  incluso nella consegna della pre vendita delle future privatizzazioni (tra cui la Petrobras), e in particolare nel cambiamento della politica estera, che tenderà  ad allontanarsi  dall'integrazione latinoamericana e caraibica, minando  il Mercosur, la CELAC e i BRICS, e mira a ripristinare la diplomazia dei piedi scalzi di FHC (Fernando Henrique Cardoso ex Presidente del Brasile).  Così, il colpo incontra la strategia degli Stati Uniti ricomponendo la sua egemonia imperialista in America e in tutto il mondo;
8.     Con l’interruzione di un progetto democratico, patriottico e popolare,  che bene o male, era stato attivato in Brasile dal 2003, il consorzio golpista  mira a ristabilire un programma neoliberista rispetto agli interessi nazionali e ai diritti sociali. Il processo attraverso il quale  vogliono dirottare il Palazzo Planalto è illegittimo e marcatamente antidemocratico . Non dobbiamo avere alcun dubbio sul fatto che l’imposizione di un'agenda conservatrice si indirizzerà verso la criminalizzazione delle lotte e dei movimenti sociale, limitando la democrazia e  ricorrendo sempre all’ autoritarismo. Saltano  agli occhi le caratteristiche antidemocratiche, antipopolari e anti-nazionali del colpo di stato.
9.    Di fronte a questa realtà, il Consiglio Nazionale politico del CTB chiama assieme a tutto il corpo militante, alla dirigenza della nostra centrale sindacale classista a intensificare gli sforzi di sensibilizzazione e a mobilitare la base sociale a impegnarsi in questa lotta senza quartiere  contro il colpo di stato e in difesa della democrazia,  della sovranità nazionale e dei  diritti sociali.  In questo senso, è necessario organizzare i nostri sindacati e  le basi dei Comitati in Difesa del Codice del Lavoro e cominciare da subito, i preparativi per la Giornata Nazionale di Lotta e di Sciopero chiamata per il 10 maggio da parte del Fronte Popolare Brasile e Fronte Popolo Senza Paura. Solo attraverso grandi battaglie di classe andremo a riaprire  il cammino per un  Nuovo Progetto Nazionale di Sviluppo con Democrazia, Sovranità e l'valorizzazione del lavoro proposto dal  Conclat (Convegno Nazionale della Classe Lavoratrice).


Sao Paulo, 3 maggio  2016


Consiglio politico nazionale del CTB (Centrale dei Lavoratori del Brasile)


 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni