Roma, 17 Aprile 2012: giornata internazionale di solidarietà con i detenuti palestinesi

In allegato il comunicato

Roma -

17 Aprile giornata internazionale di solidarietà con i detenuti palestinesi
per non dimenticare chi paga con il carcere la scelta di battersi per
l’indipendenza e la giustizia sociale

ROMA Piazza del Colosseo sit-in ore 17.30



Il 21 marzo si è tenuta a Ramallah la conferenza internazionale in solidarietà con la Palestina, una giornata di sostegno che ha aperto e preceduto il congresso della General Union of Palestinian Workers (GUPW). Tre giorni di lavoro fianco a fianco tra i delegati palestinesi al congresso e le delegazioni del World Federation Trade Union (WFTU) provenienti da Brasile, Francia, Grecia, Gran Bretagna, USA, Portogallo, Galizia, Spagna, USB (Unione Sindacale di Base) dall’Italia, culminati nella manifestazione di Nabi Saleh attaccata dai soldati israeliani.

Le delegazioni del WFTU hanno incontrato le associazioni palestinesi che sostengono la lotta dei prigionieri palestinesi, ed in quella sede hanno deciso di fare proprio  e rilanciare l’appello per la giornata internazionale del prigioniero palestinese indetta per il 17 aprile.

Una giornata di manifestazioni e proteste che toccherà diverse città e capitali nel mondo, la WFTU e l’USB chiamano i lavoratori, gli studenti ed i democratici a stringersi di nuovo a fianco del popolo palestinese, così some è stato per i bombardamenti a Gaza, l’assedio della Cisgiordania e la strage dei pacifisti della Freedom Flotilla. E’ un rapporto storico quello  che lega la lotta della classe lavoratrice  ai  movimenti che in ogni angolo del mondo,  si battono per l’emancipazione sociale e l’autodeterminazione .

Sono oltre 4700 i detenuti palestinesi, tra minori, donne, sindacalisti,, parlamentari , dirigenti politici, gente del popolo,  per tutti un solo capo di accusa lottare per la libertà della Palestina.

Al loro esempio risponde la condizione di prigionia ugualmente dura ed ingiusta che nel mondo colpisce quanti lottano per la giustizia sociale e per l’indipendenza del proprio paese, è il caso dei sindacalisti  Baschi incarcerati  dalla democratica Spagna, dei compagni della No TAV in Italia, e dei 5 patrioti cubani da 14 anni  detenuti nelle carceri USA .



USB lancia l’appello per la massima partecipazione alla manifestazione sit in, in un luogo simbolico  della città  di Roma, dove la giornata del prigioniero palestinese, sia anche il momento per rivendicare la libertà per quanti nel mondo lottano e resistono.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni