La solidarietà internazionale è la forza dei lavoratori e dei popoli in tutto il mondo

Roma -

L’USB ringrazia  le organizzazione sindacali di classe che da tutto il mondo, hanno inviato messaggi di solidarietà  alle popolazioni dell’Italia colpite dal terremoto.
I messaggi delle organizzazioni membri FSM parlano con il linguaggio universale della solidarietà fraterna che lega uomini e donne che ogni giorno in diverse parti del mondo si battono per la giustizia sociale.
E’ vero le catastrofi naturali, come i terremoti le piogge violente, gli uragani non si possono impedire ma si possono contrastare gli effetti e si possono mettere in sicurezza la popolazione ed i territori.
Anziché destinare fondi alle organismi pubblici deputati alla  prevenzione, alla ricerca, alle strutture di soccorso, le classi dirigenti in Italia hanno sottratto  le risorse economiche decisive per salvare vite umane e salvaguardare i territori, scegliendo di  destinarle al profitto e alla speculazione privata.
I tagli alla spesa pubblica e le privatizzazioni portatati avanti da tutti i governi, in osservanza dei dispositivi della Troika, hanno colpito duramente il corpo dei Vigili del Fuoco dove migliaia di precari chiedono con forza di essere assunti, hanno tagliato  i fondi alla Sanità Pubblica determinando la chiusura di molti ospedali e  hanno privato  la ricerca delle risorse economiche e umane necessari  a progettare la  studio e la cura del territorio.
Il Governo Renzi  in forte calo di consensi  si prepara a  giocare in maniera sporca con il cordoglio per le vittime,  da un lato promette fondi e aiuti per le popolazioni colpite e dall’altro conferma le politiche economiche che sono all’origine del dissesto economico e strutturale del paese, tanto da rilanciare il SI  alla riforma costituzionale che consentirà agli speculatori di mettere le mani sui beni pubblici locali.
L’USB attraverso le sue strutture nei Vigili del Fuoco, nella sanità , nel settore pubblico e con tutto il suo corpo militante è impegnata nelle  le azioni di solidarietà e sostegno alla popolazione colpita dal terremoto.
L’USB denuncia  con forza che  l’alto numero di  vittime di questo terremoto  è da  imputare ai governi che si sono fin qui succeduti, governi che  hanno consentito la devastazione dei  territori e tagliato i fondi per le strutture di prevenzione e soccorso.



USB Dipartimento Internazionale

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni