Giornata di azione mondiale dei sindacati di classe per la pace 1 settembre. USB lancia assemblea a Genova

Nazionale -

La Federazione Sindacale Mondiale WFTU promuove, per il giorno 1 settembre, una giornata di azione internazionale per la pace e contro la guerra. Una giornata importante, lanciata da FSM - WFTU proprio durante le giornate del congresso mondiale tenutosi a Roma ed organizzato da USB. In Italia si svolgerà un'assemblea a Genova, città i cui lavoratori si sono distinti per le lotte contro il traffico di armi nel porto, dalle ore 17:00 presso il centro Music for Peace, Viadotto della Camionale, 456.

Mai più sangue dei lavoratori in nome della competizione economica! 

Dichiarazione della WFTU sul 1° settembre - Giornata di azione dei sindacati per la pace

La WFTU ha stabilito che il 1° settembre, anniversario dell'inizio della Seconda Guerra Mondiale a causa dell'attacco della Germania nazista alla Polonia, sia una grande giornata di lotta dei sindacati per la pace.

Il 1° settembre è un giorno di ricordo e di onore per i milioni di vittime delle atrocità naziste e fasciste della Seconda guerra mondiale, ma anche per tutte le vittime delle guerre imperialiste, per tutti coloro che hanno pagato con la vita gli antagonismi imperialisti, le estremizzazioni nazionaliste e la bulimia capitalista per l'espansione e i maggiori profitti del capitale e dei monopoli multinazionali.

La Giornata mondiale d'azione di quest'anno assume un significato particolare alla luce degli immensi pericoli e delle minacce ai popoli e al loro diritto di vivere in pace, che si sono pericolosamente intensificati, come dimostrano il conflitto degli Stati Uniti, della NATO e dell'UE con la Russia, l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e la guerra imperialista in corso già da sei mesi, nonché il confronto USA-Cina.

Il mondo sta affrontando una fase di estrema intensificazione dell'antagonismo politico, economico e militare per il controllo e lo sfruttamento delle risorse economiche del nostro pianeta.  I popoli pagano il costo dell'antagonismo imperialista con morti, rifugiati e il deterioramento delle loro condizioni di vita e di lavoro.

Sotto la responsabilità degli Stati Uniti e dei loro alleati europei si sta rafforzando l'alleanza imperialista della NATO che, con il Nuovo Concetto Strategico deciso al recente vertice di Madrid, sta intensificando le aggressioni e si sta espandendo in tutto il mondo.

L'intensificazione della lotta contro la NATO e qualsiasi alleanza imperialista sta diventando di grande importanza, è un imperativo per i popoli.

I pretesti che utilizza per il cosiddetto scontro tra le forze della "democrazia" e dell'"autoritarismo" sono smentiti dall'esperienza dei popoli, dalle guerre e dagli interventi in Jugoslavia, Palestina, Libano, Libia, Siria, Cipro e in tante altre regioni, che hanno causato la perdita di innumerevoli vite umane, milioni di rifugiati e sfollati, hanno portato interi popoli alla distruzione e alla miseria.

Lo sforzo degli imperialisti di apparire oggi come difensori del diritto internazionale e dei diritti umani è palesemente ipocrita e non può nascondere il loro sporco ruolo negli sviluppi internazionali.

La pace nel mondo non può essere protetta attraverso la militarizzazione o il patrocinio di tutti i tipi di ideologie nazionaliste e fasciste di estrema destra. La pace nel mondo non può basarsi su sanzioni e guerre economiche. Coloro che, per principio, difendono i diritti dei popoli, il diritto dei popoli a vivere in pace, lottano contro gli sfruttatori e gli oppressori dei popoli, per l'eliminazione delle cause delle guerre imperialiste, il disimpegno e lo smantellamento della NATO e di tutte le coalizioni militari, l'abolizione delle armi nucleari e il rispetto dell'indipendenza e della sovranità di tutti i Paesi.

La guerra in Ucraina approfondisce ancora di più la crisi capitalista, che ancora una volta cerca di scaricare il suo peso sulle spalle dei lavoratori e degli strati popolari.

La disoccupazione e l'inflazione stanno minando senza pietà il tenore di vita dei lavoratori in un momento in cui i salari non solo rimangono stagnanti ma, con il pretesto della pandemia e della crisi, in molti casi vengono ridotti.

In occasione del 1° settembre, Giornata Sindacale Mondiale di Azione per la Pace, la WFTU invita tutti i sindacati di classe a organizzare azioni e mobilitazioni contro la guerra e l'imperialismo in difesa della pace e della cooperazione dei popoli, contro le guerre e gli interventi imperialisti, contro il militarismo e la militarizzazione delle relazioni internazionali, contro le pratiche imperialiste di sanzioni, blocchi e guerre economiche.

Per il diritto di ogni popolo a decidere del proprio futuro contro lo sfruttamento capitalistico e l'ingiustizia sociale.

La WFTU fa appello a tutti i lavoratori affinché si organizzino nel modo più massiccio possibile, si uniscano, sostengano e rafforzino i sindacati di classe, in modo che le loro lotte diventino più decisive ed efficaci. Solo attraverso lotte organizzate di massa e di classe possiamo rovesciare il sistema globale di sfruttamento guidato dai capitali finanziari internazionali e dalle forze imperialistiche e le correlazioni per un altro percorso di sviluppo globale. Per un percorso che serva i lavoratori e i popoli e non gli interessi degli imperialisti, delle corporazioni e dei monopoli. Per un mondo senza guerre e interventi imperialisti, senza sfruttamento dell'uomo da parte dell'uomo.

Il Segretariato

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati